Il cigno nero

Caricamento Eventi
Questo evento è passato.

Fabio Grigenti

FABIO GRIGENTI (Vicenza, 1964). Ha conseguito la laurea (1990) e il dottorato di ricerca in filosofia (1997) all’Università degli Studi di Padova. Ha proseguito la propria formazione con soggiorni di studio a Tübingen (Karl-Eberhard Universität) e Frankfurt a. M. (Schopenhauer-Archiv). Dal 2000 al 2003 è stato assegnista di ricerca presso il Dipartimento di Filosofia dell’Università di Padova e dal 7.01.2004 è ricercatore di Storia della Filosofia presso la Facoltà di Scienze della Formazione dell’Università di Padova. Nell’A. A. 2003-2004 ha tenuto i corsi di Etica ed Etica Professionale nella Facoltà di Scienze della Formazione dell’Università di Padova.

Intervistato da Lorenzo Palumbo

Direttore esecutivo del Festival delle Filosofie di Palermo

Le domande

  1. L’inaspettato, il cigno nero. La nostra razionalità sagestire le situazioni nuove?
  2. L’oplita. È giusto sacrificare qualcuno per avvantaggiare tutti? Ovvero, l’eroismo dei medici e degli infermieri ha una giustificazione morale?
  3. Quali sono le virtù che bisogna coltivare in tempi di corona virus?
  4. Oggi per risolvere il problema della diffusione del contagio è richiesto un comportamento cooperativo, ma le persone di norma adottano un comportamento competitivo. Cosa si può fare?
  5. Vi è una relazione tra la diffusione del contagio e l’Antropocene?
  6. Altruismo ed evoluzionismo. Si escludono?
  7. Due domande di sapore kantiano. Cosa posso sperare? Cosa devo fare?
Torna in cima